Cos’altro deve accadere per farci aprire gli occhi?

Sappiate che i continenti saranno scossi da forti tribolazioni ma la disperazione non deve far parte del vostro cuore. Dovete abbandonarvi e amare; ci saranno tempi in cui anche gli innocenti e i piccoli dovranno pagare le conseguenze ma loro saranno al sicuro nel Mio cuore”.

(Stralcio dal messaggio lasciato da Gesù – attraverso Giulio Massa – il Venerdì Santo 29 Marzo 2013)

In questi giorni tutti i mezzi di informazione,inclusi quelli forniti dalla rete internet, stanno portando nelle nostre case immagini di devastazione e di morte a seguito di catastrofici eventi naturali.
Violentissimi uragani hanno causato vittime e messe in ginocchio centinaia di migliaia di persone in almeno 10 stati americani, in certi casi ci vorranno anni per tornare alla normalità (sempre che nel frattempo non si verifichino nuovi eventi) e comunque si parla di centinaia di miliardi di dollari di danni … per qualcuno però quest’ultimo è un aspetto positivo perchè produce lavoro ed occupazione.
In Messico a distanza di una settimana dal precedente – e (coincidenza?) nello stesso giorno e mese del terremoto del 1985 che produsse oltre 10.000 morti – si è verificato un nuovo devastante terremoto che ha fatto fuggire dalle proprie case milioni di persone e che, a distanza di 24 ore, fa contare centinaia di vittime, tra cui tanti bambini.

Univeso e GalassieEppure gli uomini che credono di governare la terra (poveri illusi) continuano a pensare di poterla sfruttare senza porsi alcun limite, così come di erigere muri tra una nazione e l’altra (al di la e al di qua dell’oceano) per soffocare legittime speranze di una vita migliore, speranze coltivate da chi è disposto a rinunciare a tutto, spesso anche alla dignità, per il bene dei propri cari.
Gli stessi uomini che giocano alla guerra credendo di poter dominare una fetta del pianeta dimenticando che la Terra non è altro che un granellino di sabbia disperso nell’Universo.

Lo sappiamo, è più facile essere atei perchè così si può manipolare meglio la propria coscienza pur affermando di seguirne i consigli.
Nel proprio intimo ognuno si può raccontare la verità che gli fa più comodo e, sempre nell’intimo, giustificare a se stesso anche le peggiori nefandezze, commesse a danno di persone inermi o semplicemente non disposte ad usare i loro stessi mezzi .. magari perchè timorate di Dio.
La controprova ce l’abbiamo sotto gli occhi ogni giorno, basta vedere come vengono gestite le informazioni ed i dibattiti televisivi; le informazioni, cioè le notizie fini a se stesse, nude e crude, sono sparite per lasciare spazio alle opinioni e queste ultime, si sa, spesso riflettono gli interessi di qualcuno, interessi economici o politici.

In tutto questo Gesù, dalla sua Crocifissione fino ad oggi, è sempre rimasto accanto all’umanità e continua a manifestarsi in varie parti del mondo (così come la Vergine Maria) attraverso Giulio Massa e tanti altri, per ammonire, confortare, consolare ma, soprattutto per indicare la via che porta alla Salvezza.

I bambini, affinchè questo possa in parte lenire il dolore di chi li ha momentaneamente persi, sono tutti al sicuro nel cuore di Gesù, così come gli innocenti, anche se adulti; tutti gli altri devono ritrovare il senno e capire che la vita terrena è un passaggio attraverso il quale dimostrare di avere buoni sentimenti, perchè saranno questi ad aprire le porte del Paradiso.

1 Commento

  1. Giuseppe (Post author)

    Già è proprio così.
    Quando mi confronto con la realtà quotidiana (nel mondo e del mondo), percepisco un enorme distacco da parte di tante persone, rispetto a quello che sta accadendo nel mondo.
    Tutto viene commentato con molta superficialità cercando anche di chiudere subito questi argomenti, perché si parli di cose “belle e allegre” (inutili e senza senso), piuttosto che di situazioni tristi per le quali nessuno può far nulla…
    In realtà noi possiamo fare tutto: CONVERTIRCI di cuore a DIO e abbandonare il peccato e mettere DIO al primo posto nella nostra vita.
    La Mamma Celeste ad Anguera continua a ripeterci che “Viviamo in un tempo peggiore del tempo del Diluvio”.

    A Zaro, Il giorno 8 settembre, la Mamma Celeste mostra in visione “San Michele Arcangelo come un grande condottiero, immerso in una grande luce. Tra le mani aveva una grande bilancia che quasi faceva fatica a mantenere”.

    I vaso è stracolmo.
    Sia lodato Gesù Cristo insieme alla Sua dolce Mamma Maria.

    Giuseppe

Commenti chiusi.